I Big Data per vincere la competizione nel settore dell’auto

0
5

Il settore automobilistico è uno di quelli che si deve confrontare con un tasso di competizione molto elevato. Anche se può apparire come un fattore negativo, la competizione è uno dei maggiori stimoli dell’innovazione, e l’utilizzo dei Big Data è uno degli ambiti di maggior interesse in questo contesto.

L’analisi dei Big Data si basa sullo studio di informazioni provenienti da fonti non tradizionali (tra cui Internet, i sociali ecc) per identificare le tendenze e gli umori degli utenti, e capire quali sono le loro esigenze, le problematiche e i suggerimenti. L’obiettivo è interpretare al meglio le necessità e le preferenze del proprio target di potenziali clienti, con un conseguente risultato nell’aumento delle vendite, nella riduzione dei costi e nel miglioramento dei prodotti.

A differenza dei dati statistici tradizionali, i Big Data derivano da un processo interattivo complesso, che raccoglie elementi e informazioni da tendenze macroeconomiche, caratteristiche delle aree geografiche e dati di utilizzo dei social media. Analizzare questi dati permette di accedere a svariati benefici: le informazioni raccolte a livello geografico ad esempio di classificare le specifiche richieste dei consumatori di un determinato territorio, consentendo così di ottimizzare i costi di distribuzione.

Il settore automobilistico ha visto negli ultimi anni una crescita costante nell’utilizzo dei Big Data come fattore di sviluppo e innovazione. L’analisi viene effettuata sia nel campo della costruzione e della distribuzione, sia nell’ambito delle strategie distributive, dove possono davvero fare la differenza.

Un esempio di successo è rappresentato dalla Ford; l’azienda da anni analizza le informazioni presenti nei social media per conoscere le esigenze e le preferenze dei potenziali clienti, talvolta interpellandoli direttamente.

Uno strumento davvero potente e vantaggioso, ma solo se si hanno le conoscenze tecniche specifiche per mettere in relazione i dati raccolti, al fine di adeguare la propria strategia in base alle informazioni raccolte.

Fonte: randstand.it